La storia di Milano, i suoi luoghi, i suoi personaggi. Un blog di Mauro Colombo

La storia di Milano, i suoi luoghi, i suoi personaggi. Un blog di Mauro Colombo
.

giovedì 19 maggio 2016

Monte Stella al QT8, la montagnetta di San Siro


montagnetta san siro monte stella QT8 bottoni

Milano ha una strana collina, che per una velata mania di grandezza tipicamente nostrana, è da sempre chiamata Montagnetta di San Siro (per via della zona ove si eleva).
bottoni QT8 montagnetta san siro stellaIl suo vero nome è Monte Stella, come la moglie del geniale architetto che la ideò, Piero Bottoni (1903-1973).
Sì, perché la Montagnetta è un rilievo artificiale, formato da milioni e milioni di metri cubi di detriti bellici. E di qualche altra demolizione cittadina. Insomma, per essere un po' macabri, si può dire dire che è il cimitero degli edifici abbattuti dalle bombe anglo-americane  sganciate sulla città durante la seconda guerra.
Correva l'anno 1947, quando a Milano si svolse l'Ottava Triennale, incentrata sul tema dell'abitare: per tale evento, Bottoni, commissario straordinario della Triennale milanese, promosse e progettò il piano generale per un innovativo quartiere, appunto battezzato QT8.
montagnetta san siro monte stella QT8 bottoni

Il QT8 non voleva essere "solo una esposizione permanente di nuovi tipi edilizi, di sistemi costruttivi e arredi innovativi, di risultati economici e di programmi igienici, ma anche e soprattutto un esempio sperimentale di una nuova spazialità urbana. Il nuovo quartiere doveva mostrare che, abbandonando lo schema urbanistico-architettonico tradizionale a pareti continue in fregio alle strade e alle piazze, e ordinando invece gli edifici in relazione alla luce e agli spazi verdi, era possibile dare vita ancora a un quadro ambientale unitario di qualità, pur in presenza di tipi edilizi diversi tra loro e dalla tradizione.
Bottoni aveva preventivato che la attuazione del Quartiere avrebbe richiesto 10-15 anni; oggi tuttavia esso risulta largamente incompiuto per la parte dei servi al cittadino" (G. Tonon).
Il Quartiere avrebbe anche contribuito, almeno nella sua primissima fase, a dare una casa a quanti milanesi l'avevano da poco perduta sotto bombe, dirompenti e spezzoni incendiari.
Parteciparono all'ambizioso progetto valenti architetti del periodo, tra i quali Peressutti, Zanuso, Belgioioso, Banfi, Rogers.
montagnetta san siro monte stella QT8 bottoni

Per completare il tutto, Bottoni pensò ad una montagnola artificiale, proprio dove, in una cava di sabbia ormai esaurita, si stavano accumulando i detriti cittadini, che avevano riempito del tutto il precedente specchio d'acqua.
montagnetta san siro monte stella QT8 guerra macerie
montagnetta san siro monte stella guerra macerieSappiamo infatti che i primissimi anni del dopoguerra videro rimuovere dalla città una massa impressionante di macerie, che venivano accumulate in varie zone cittadine e poi portate fuori città.

montagnetta san siro stella macerie guerra vetra de amicis
montagnetta san siro stella macerie guerra treniniPer tali lavori di sgombero venivano anche utilizzati appositi trenini a scartamento ridotto, che portavano in città la sabbia necessaria per le nuove costruzioni, prelevata dalle varie cave periferiche. Al ritorno, trasportavano e scaricavano i detriti.
All'immane lavoro parteciparono numerose ditte, che sfruttavano in gran parte i camion militari americani (Dodge, Ford, GMC) qui abbandonati e rimessi in circolazione dopo essere passati dai campi di raccolta e rivendita dell'ARAR.


montagnetta san siro stella guerra milano macerie agostino
Partecipavano inoltre tutti quelli che dovevano arrangiarsi e inventarsi un lavoro, grazie ai carretti a cavallo o ai veicoli residuati USA rimessi in condizioni di marciare (spesso modificandoli nei motori esageratamente assetati di carburante, e costruendo artigianalmente i pezzi di ricambio altrimenti introvabili). Questi operai, pagati un tanto a quintale scaricato e spinti dalla povertà e dalla voglia di rivincita, erano detti "stravachin".
montagnetta san siro monte stella QT8 bottoni
La realizzazione della collina si protrasse ben oltre l'Ottava Triennale. Se il primo basamento è infatti costituito dai detriti cittadini, l'accumulo di terra continuò in zona per circa vent'anni dopo il 1947. 
Il Monte avrebbe dovuto toccare, nel secondo progetto del 1954, i cento metri di quota, anche se poi, in fase di realizzazione, ci si accontentò di un po' meno.
montagnetta san siro monte stella QT8 bottoni

montagnetta san siro monte stella QT8 bottoni

montagnetta san siro monte stella QT8 bottoni

montagnetta san siro monte stella QT8 bottoniNegli anni Sessanta divenne anche un punto di aggregazione per tutti i giovani motociclisti amanti del fuoristrada (o come si diceva, Regolarità). Qui infatti, prima che gli spazi venissero trasformati in parco ovviamente chiuso al traffico motorizzato, si inventavano gare con moto più o meno potenti, più o meno adatte, e tutti gli appassionati del genere ne avevano fatto il punto di ritrovo del sabato e della domenica.
Era anche nato un Moto Club, il MCMontagnetta. Una delle più importanti riviste del settore, Motociclismo, dedicò al fenomeno una copertina, e pubblicò un articolo quando le cose cambiarono per sempre.
Più recentemente ospitò gare sciistiche (nel 1984, con innevamento artificiale), e nel decennio scorso venne realizzato, in una piccola porzione, il Giardino dei Giusti, per onorare coloro che si sono opposti ai crimini contro l'umanità e ai totalitarismi.
monte stella neve san siro

Mauro Colombo
maggio 2016
maurocolombomilano@virgilio.it
maurocolombo@milanoneisecoli.it