La storia di Milano, i suoi luoghi, i suoi personaggi. Un blog di Mauro Colombo

La storia di Milano, i suoi luoghi, i suoi personaggi. Un blog di Mauro Colombo

lunedì 7 dicembre 2015

I giardini della Guastalla

guastalla

Le origini del giardino (meglio: dei giardini, e poi vedremo perchè) della Guastalla risalgono alla metà del 1500.
Lodovica Torelli guastallaGiardini e contrada presero il nome dalla nobildonna Lodovica Torelli, contessa di Guastalla, che in questa zona, nel 1557, acquistò un appezzamento di terreno compreso tra il naviglio dell'ospedale (oggi via Francesco Sforza) e san Barnaba. Qui vi trasferì l'istituto delle Angeliche, fondato per  accogliere ed educare giovani fanciulle nobili di famiglie decadute.
Il bel giardino che allietava l'edificio dell'educandato fu poi ingentilito da un tempietto (del Cagnola) e da una peschiera barocca a pianta mistilinea, particolari ancora oggi presenti.
Inizialmente il giardino era unito a quello dell'attigua proprietà Sormani-Andreani, il cui palazzo si affacciava sullo stradone di santa Prassede (oggi si affaccia su corso di porta Vittoria).

guastalla

guastallaPurtroppo, le solite speculazioni edilizie degli anni trenta divisero i due appezzamenti, aprendo sulla linea di confine una via (la via Andreani), necessaria per la lottizzazione del giardino Sormani, sul quale vennero costruiti gli edifici borghesi ancora oggi presenti.
Anche il giardino Guastalla rischiò di subire un destino simile, visto il piano regolatore Albertini del 1934: per fortuna, cosa che a Milano accade una volta ogni cent'anni, il progetto venne bloccato e poi stralciato, per intervento dell'allora podestà Gallarati Scotti.

guastalla torretta san barnaba sforzaDivenuto così di proprietà comunale, il giardino Guastalla fu inaugurato nel 1939  (dopo aver abbattuto i muri esterni sostituiti da cancellate) quale nuovo spazio verde per i milanesi, secondo il progetto dell'architetto Gerla coadiuvato dal botanico Fassi. Nell'occasione venne anche restaurata la torretta d'angolo tra le vie san Barnaba e Francesco Sforza, uno scorcio suggestivo, per questo spesso dipinto e fotografato.

guastalla torretta san barnaba sforza

guastalla torretta san barnaba sforza

guastalla torretta san barnaba sforza
guastalla torretta san barnaba sforza

guastalla




Mauro  Colombo
dicembre 2015
maurocolombomilano@virgilio.it